U17, contro Roma Nord per la Top 8. Mosca: “Il futuro è con noi”

DSC_2059

UNDER 17 – C’eravamo lasciati con la finale provinciale U17, persa contro la Virtus Roma per 3-1, domenica 13 marzo. Diciannove giorni dopo i ragazzi di Nello Mosca tornano in campo in una gara ufficiale, che vale ancora una volta tantissimo. Venerdì 1 aprile va in scena lo spareggio per l’accesso al tabellone finale regionale, in trasferta contro Roma Nord alle ore 17.45. La Volley Team ci arriva da finalista provinciale di Roma, determinata ad entrare nelle prime 8 squadre del Lazio nella categoria U17M, ma davanti a sé avrà una squadra di grande caratura. Roma Nord infatti non ha giocato la fase provinciale, ma si è fin da subito confrontata con le migliori squadre della regione nel campionato di Eccellenza, chiuso in 7° posizione. Una sfida alla pari, in cui giocarsi tutte le carte per regalarsi una grande soddisfazione dopo la delusione della finale persa.

L’asticella si alza: Boninsegni e compagni respireranno nuovamente l’aria di una gara da dentro o fuori, da giocare fuori casa senza possibilità di replica. Un successo garantirebbe i quarti di finale contro Roma 7, la 2° dell’Eccellenza, già qualificata. (CLICCA QUI per regolamento e tabellone)“Una sfida importante per verificare quanto le squadre migliori di questa categoria sono distanti da noici spiega mister Mosca – ma purtroppo non ci arriviamo al meglio”. I troppi infortuni infatti rischiano di penalizzare Monterotondo, ma il mister non cerca alibi: “Ce la giocheremo comunque mettendo in campo ciò che sappiamo fare meglio. Siamo nella fase regionale dopo un cammino entusiasmante e questo è già un obiettivo raggiunto. Passare il turno sarebbe bello, un giusto premio per un gruppo che ha ottimi valori”. Testa e cuore al presente, ma la società è già proiettata al futuro: “Comunque vada è solo il primo passo, stiamo portando la Volley Team Monterotondo nell’élite della pallavolo laziale e non vogliamo certo fermarci qui, la nostra crescita continuerà nel tempo verso obiettivi sempre più alti” conclude Mosca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *