Monterotondo, in 400 per una serata d’amore. Il 3-2 alla Roma non basta

dsc_1777

Non è bastato un palazzetto dello sport stracolmo d’amore. La Volley Team Monterotondo saluta i playoff per salire in Serie B ai quarti di finale, dopo aver battuto 3-2 la Roma Volley. Decisivo il ko per 3-1 dell’andata, in cui i granata hanno giocato una delle loro peggiori partite stagionali. Incredibile e meraviglioso quello che invece è successo in un sabato pomeriggio difficile da dimenticare. Più di 400 persone hanno tifato dagli spalti del palazzetto eretino, incitando la formazione di Savino Guglielmi anche nei momenti più difficili.

Bambini, ragazzi, genitori e famiglie: una cittadina intera si è stretta intorno alla sua squadra di pallavolo per dimostrarle che i sogni si possono realizzare, che le rimonte sono possibili per un gruppo in grado di vincere le prime 16 partite di campionato con un rollino di marcia senza precedenti. Qualcosa però è andato storto, Monterotondo ha vinto la partita ma non la battaglia e ha salutato con rammarico un campionato che invece per larghi tratti aveva dominato. Storie e destini di uno sport bello quanto difficile da comprendere per le sue logiche più emotive che razionali, più sentimentali che tattico-tecniche. Come nel primo set, in cui è successo tutto e il contrario di tutto.

Monterotondo ha iniziato sulle ali dell’entusiasmo con una tribuna in festa e colorata di palloncini gialloblù. Punto dopo punto sono tornati a girare tutti gli attaccanti migliori di Guglielmi: Santi, Marcelli, Martinoia, Tomei e anche Marsano. Sul 18-12 però la Volley Team ha fatto l’errore di pensare fosse fatta e la Roma ha reagito da vera squadra. I ragazzi allenati da Cristini e Sardone hanno rimontato andando a prendersi il parziale con il risultato di 23-25. L’occasione persa per indirizzare subito il match si rivela però la molla giusta per un secondo set da cineteca. Pietrangeli sale in cattedra e inizia a distribuire palloni d’oro a Martinoia e Santi che si prendono i compagni sulle spalle, trascinati in un 25-10 senza storia. Qui ha un peso decisivo anche la straordinaria capacità di Marcelli di reggere bene in ricezione e di fare sempre la scelta giusta in attacco.

Il pubblico di casa è uno spettacolo per gli occhi e per le orecchie. Quasi ricaricandosi del calore della sua gente, Monterotondo stringe i denti e vince anche il terzo set 25-19, in cui spicca l’ottima prestazione dei due liberi Marziali e Spagnoli, rispettivamente in ricezione e difesa. Gli attacchi di Loreto e di Torroni tornano a farsi sentire in un quarto set che a quel punto diventa decisivo. In caso di successo dei padroni di casa la sfida si sarebbe risolta al golden set, ma la Roma Volley si scuote al momento giusto e torna sui suoi livelli quando sente di non poter più permettersi errori. I giallorossi riescono a guadagnare 3-4 punti di margine che portano avanti per tutto il set. La Volley Team insegue, si innervosisce e perde il controllo della gara. Tomei prova a caricare i suoi con qualche primo tempo sontuoso, ma c’è poco da fare: la benzina è finita e set e qualificazione vanno alla Roma. Quando cade a terra l’ultimo pallone del set e l’arbitro certifica con un fischio il 2-2 e, quindi, l’eliminazione dai playoff della squadra di Guglielmi, dagli spalti si alza un coro: “Monte, Monte, Monte”. Un grido unanime  di rabbia e appartenenza, quasi a voler dimostrare l’orgoglio nel sostenere una passione, al di là del risultato.

È un gesto bello che permette ai giocatori in campo di avere ancora un obiettivo da raggiungere, e cioè conquistare almeno la vittoria del match. Al tie break finisce 15-13, con l’entrata in campo dei giovani Zampana e De Gattis. Finisce, in realtà, con un lungo applauso per i giocatori e per lo staff tecnico della Volley Team Monterotondo. Mani che battono e palloncini nell’aria per dire che sì, è stata una grande stagione anche se si è fermata a un passo dal sogno. Serate come questa non si dimenticano. Serate come questa creano un legame indissolubile tra una squadra e la sua gente. E per un amore così non esiste sconfitta.

Serie C, Quarti di finale – gara 2

Volley Team Monterotondo – Roma Volley 3-2 (23-25 / 25-10 / 25-19 / 18-25  / 15-13)

dsc_0011

dsc_0115

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *