Serie B. Il primo colpo è l’opposto Perez: “A Monterotondo per creare qualcosa di magico”

Il primo acquisto della Volley Team Monterotondo 2020-21 è un nome che già fa sognare la piazza. Roberto Perez ha scelto il progetto granata e indosserà la maglia eretina nella stagione del grande ritorno in Serie B. L’opposto, classe 1981, aggiunge qualità ed esperienza al roster guidato da coach Savino Guglielmi che si prepara a vivere un campionato da protagonista anche nella categoria nazionale.

“Sono felice e orgoglioso di essere qui – le sue prime dichiarazioni – Le nostre strade finalmente si incontrano. Qui c’è tutto quello che può chiedere un giocatore che vuole ancora esprimersi ad alti livelli: un palazzetto bellissimo, un ottimo allenatore e dei compagni di squadra forti e motivati che conosco da una vita. Ho giocato a Monterotondo da avversario, ricordo un pubblico caloroso e affezionato che faceva la differenza. Sono un giocatore che non molla mai, che si allena duro durante la settimana e che cerca di essere sempre concentrato”.

Nato come schiacciatore e diventato con gli anni uno degli opposti più forti del Lazio, Perez è cresciuto alla Borghesiana, poi ha indossato le maglie di Orte, Zagarolo, Roma7, Tor Sapienza, Monteporzio e Anguillara. La Serie B è il suo terreno di caccia ideale. “Un campionato difficile e livellato verso l’alto – lo descrive così – solitamente non c’è mai una squadra cuscinetto. Ho sempre trovato squadre molto forti da metà classifica in su e squadre che non mollano mai nelle zone basse. Ogni weekend sarà una battaglia”.

Sulle ambizioni della Volley Team, Perez non ha dubbi: “Si sta formando un grande gruppo. Questi ragazzi sono sempre stati al vertice in Serie C e con qualche innesto mirato nei reparti possiamo toglierci tante soddisfazioni. La società sta lavorando bene sul mercato, saremo molto competitivi. Una cosa è certa: giocheremo ogni partita per vincere, è nel Dna di questa società”. L’opposto romano è conosciuto nell’ambiente per il carattere da guerriero. In campo è un trascinatore che spesso interagisce con il pubblico. “Utilizzo tante energie per incitare i compagni e caricare le persone sugli spalti. Mi piace giocare in una bolgia e i tifosi in questi anni hanno sempre sostenuto tantissimo la squadra, riempendo le tribune. Tutti insieme possiamo creare qualcosa di magico. Io ci credo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *