Daniele Cioffi premiato per il social contest. I genitori: “Si è innamorato della pallavolo”

DSC_0219

Il disegno più votato del sondaggio “Scegli tu la prossima maglia”, ha da oggi anche un volto. Quello di Daniele Cioffi (qui in foto), premiato durante la festa del minivolley per aver ricevuto 525 “mi piace” da tutti i fan della Volley Team sui nostri social (484 su Facebook, 41 su Instagram).

Numeri che sono valsi tre ricchi premi per il piccolo Daniele, atleta classe 2005, protagonista di minivolley e U12 in questa stagione 2015-16. Il vincitore del sondaggio che permetteva a tutti gli iscritti della società di disegnare la propria maglia ideale, ha ricevuto una divisa (maglia e pantaloncini) della Serie D, con il numero 20 e il suo nome “Daniele”, ma anche un pallone da gara e la polo ufficiale della Volley Team Monterotondo.

photo_2016-05-04_22-15-53

“Daniele è molto timido, ma quando ha saputo di aver vinto era davvero felice” spiegano in coro i genitori. Il papà Roberto racconta così l’attesa della vittoria: “Ogni giorno ha controllato quanti “mi piace” riceveva la sua maglia e non c’è stata sera in cui non sia andato a dormire pensando a questo contest. Era euforico al pensiero che il suo disegno venisse scelto dalla società come spunto per ideare la nuova divisa della squadra. E questo ci ha portato ad assecondarlo anche nel voler seguire sempre la prima squadra in casa: non si è perso una partita della Serie D!”

“L’idea della maglia? Tutta sua – spiega il padre – Quel pallone disegnato su un fianco lo ha pensato lui, per dare massimo risalto al logo della Volley Team Monterotondo, che a Daniele piace tantissimo, riprendendo poi i colori sociali gialloblu nel resto della divisa”.

DSC_0204

Ma la passione per il volley deriva tutto da mamma Maila: “Un giorno vorrebbe giocare anche lui con i grandi e come ogni bambino sogna di poter diventare un giocatore. Ma a noi basta che sia felice nella vita, qualsiasi cosa faccia. Io sono stata una pallavolista e quindi gli ho suggerito 4 anni fa di provare questo sport. Ora, a 11 anni, ne sa più di me e dice sempre che da grande vorrebbe diventare come Emiliano De Gattis, il ragazzo che lo allena e che gioca anche in prima squadra. Si è innamorato del volley e noi ne siamo felicissimi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *